• mncgnn59

Firma informatica oggi e domani: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

La firma informatica, termine non tecnico per indicare le firme elettroniche e quella digitale, sta vivendo un presente di successo, tuttavia alcuni fronti critici non ancora risolti rischiano di creare intoppi: vediamo la situazione e gli scenari normativo e operativo



La situazione estremamente positiva di firma elettronica e firma digitale presenta ancora una serie di problemi poco noti e irrisolti che ne attenuano l’indubbio successo. Alle soglie dei venticinque anni anni dalla nascita del valore giuridico del documento informatico, con la Legge 59/97, è utile fare il punto della situazione sullo stato dell’arte della firma informatica (espressione utilizzata nei suoi scritti dalla professoressa Giusella Finocchiaro “in senso atecnico e inclusiva di tutte le differenti tipologie di firme elettroniche e della firma digitale”).

In questo articolo si descrivono alcune tappe fondamentali sulle firme, lo stato dell’arte attuale con gli ultimi dati disponibili sulla loro diffusione. Sono, infine, trattate le prospettive future sia nazionali che europee alla luce della proposta di modifica del Regolamento 910/2014 (eIDAS) pubblicata dalla Commissione Europea nel recente mese di giugno. La soluzione evolutiva nel breve termine è descritta con riferimento al futuro della firma rispetto agli strumenti di identità digitale italiani ed europei, la blockchain e i registri distribuiti.