Dite addio alla vecchia burocrazia

Questo simpatico opuscolo ha circa venti anni.

La frase "Dite addio alla vecchia burocrazia" è stampata su un fazzolettino bianco per richiamare l'immagine poetica dell'addio nello sventolare triste da parte di chi rimane, verso chi sta partendo.

Non è una novità sentir parlare di queste cose e in questi termini.

In questa sede, come già scritto nella presentazione del blog, si parla del presente

ma con un sguardo al passato, quel passato che non trova memoria sulla rete e quindi diventa oblio.

Quindi, visti i tempi rapidissimi in cui tutto cambia, dopo vent'anni ci si sente un po' archeologi del digitale, storici del governo elettronico, della transizione digitale

o come ultimo indicatore, della trasformazione digitale.

L'oblio, ricordiamocelo, prova a cancellare il passato, la nostra memoria è traditrice, limitata e quindi si trova un modo per conservare un evento nel tempo.

Quasi un museo virtuale.

Guardare al passato non deve portare malinconia ma nuova energia per raggiungere gli obiettivi futuri che sono sempre gli stessi.

L'opuscolo fu diffuso dal Ministro Lucio Stanca Ministro per l'innovazione e le tecnologie. Il primo a trattare con delega specifica i temi del digitale e non solo

nella pubblica amministrazione.

I fondi per agire furono numerosi e utilizzati in molte iniziative.

Ci furono il Codice dell'amministrazione digitale, la Carta Nazionale dei Servizi, la PEC e tanti altri progetti, all'epoca di e-Government.

Il futuro che si prevede oggi è sugli stessi obiettivi di vent'anni fa, mutatis mutandis.

Forse ci esaltiamo troppo per i progetti che partono, dovremmo esaltarci quando la strada è pronta fino alla destinazione programmata.

Ma l'importante è mantenere l'ottimismo, la determinazione e la convinzione che si può fare e si deve fare.

Fino ad oggi gli avanzamenti ci sono stati ma troppo lenti rispetto ad un mondo che digitale che va veloce.

Guardarsi indietro non serve a capire qual'è stato il bivio che è stato percorso in modo sbagliato, oggi ci appare solo una strada diritta.

Guardare avanti è indispensabile per un Paese moderno e migliore e per evitare che il fazzoletto bianco debba evocare l'addio alla

buona burocrazia.

Sappiamo tutto quello che bisogna fare, abbiamo i fondi per farlo e quindi è giunto il momento di farlo, veramente !

Buon lavoro a tutti quelli che se ne stanno occupando con orgoglio, convinzione, determinazione, efficacia e ottimismo.


PS

per il paziente e cortese lettore che vuole approfondire il tema della politica della digitalizzazione segnaliamo l'articolo

al collegamento seguente:

https://www.agendadigitale.eu/cittadinanza-digitale/politica-e-digitalizzazione-un-po-di-storia-da-lucio-stanca-a-vittorio-colao/


31 visualizzazioni0 commenti